Vai al contenuto

Stampa 3D: come calcolare il ROI di una stampante 3D

arrow_downward

Perché scegliere di produrre con la stampa 3D?

Le stampanti 3D sono diventate una tecnologia matura e adatta alla produzione di modelli visivi, prototipi funzionali, ausili di produzione e prodotti finiti.

Sulla scrivania di un designer di prodotto, ingegnere o produttore, una stampante 3D è uno strumento potente. Consente di testare i progetti in modo rapido ed economico e di produrre su richiesta pezzi altamente personalizzati.

Per le aziende, le stampanti 3D desktop sono un’opzione interessante grazie ai loro bassi costi di acquisto e di gestione rispetto ad altre opzioni.

La stampa 3D è quindi una soluzione versatile per un’ampia gamma di applicazioni. Quando si pensa di investire nell’acquisto di una stampante 3D le domande più comuni sono: quale scegliere? Qual è il ROI dell’azienda?

Quale stampante 3D scegliere?

Acquistare una macchina professionale di alta qualità fa risparmiare denaro grazie alla sua affidabilità e facilità d’uso. Una stampante 3D affidabile massimizza i tempi di attività, di manutenzione e di formazione. Le stampanti desktop possono soddisfare diverse esigenze industriali.

Calcolare il costo di produzione della stampa 3D

La maggior parte dei software di progettazione sul mercato ha un’opzione di stima dei costi come Eiger, il software di Markforged. La stima del costo di un singolo pezzo è un passo importante per decidere se investire o meno nella stampa 3D. Il software Eiger stima in tempo reale il costo di stampa del pezzo.

Grazie alla stampa di fibre composite rinforzate, è possibile progettare e stampare parti industriali a costi e tempi inferiori.

Ecco un esempio di una leva del freno stampata in 3D con la stampante Mark Two con materiale Onyx e rinforzata con fibra di carbonio.

Nel riquadro rosso è possibile vedere una stima di $55, ovvero circa €47. La stima tiene conto della quantità di plastica e fibra di carbonio per poter calcolare il costo di produzione.

Più fibre vengono utilizzate, più alto sarà il costo di stampa. In questo caso, il costo del pezzo è relativamente alto, essendo fortemente rinforzato con fibra di carbonio.

I costi con metodi standard

Una volta stabilito il prezzo del nostro pezzo stampato in 3D, confrontiamo questo costo con quello di altri metodi di produzione, come il CNC.

I costi di produzione “standard” variano a seconda delle quantità prodotte. Distinguiamo due fasce di prezzo: per meno di 100 pezzi prodotti, il costo unitario per produrre questo pezzo è di 169 € e per più di 100 pezzi prodotti, il costo unitario diventa di 100 €.

Questi costi possono variare a seconda del servizio di lavorazione o del metodo di fabbricazione scelto.

Il confronto

Confrontando il metodo di lavorazione CNC con quello della stampa 3D, si risparmia 122 € per pezzo (costo di produzione CNC – costo di stampa 3D è 169 € – 47 € = 122 €).

Con questo numero è possibile definire il numero di pezzi necessari per compensare il costo della stampante 3D.

Se si dovesse stampare solo una parte, dovremmo stampare 111 parti per ammortizzare la macchina 3D:

Il calcolo: 13.499 €/122 = 111 pezzi.

Calcolo del ROI

Risulta dunque chiaro che più parti vengono stampate più alto sarà il ritorno sull’investimento. Per tal ragione è importante sfruttare al massimo le potenzialità della stampante 3D, uno dei suoi vantaggi è la versatilità con cui è possibile stampare un gran numero di parti diverse.

Un esempio concreto per il calcolo del ROI

ROI = 100% * (Guadagno dell’investimento – Costo dell’investimento) / Costo dell’investimento

Per questo esempio, immaginiamo di voler produrre 400 pezzi.

Prima di tutto, è necessario calcolare il guadagno dell’investimento di un pezzo: costo di produzione CNC – costo di stampa 3D è 169 € – 47 € = 122 €).

Come detto, il costo della produzione CNC sarebbe di 100 € (perché vogliamo produrre più di 100 pezzi) – 47 €= 53 €.

In questo caso si risparmia 53 € per pezzo (la cifra è diversa dai 122 euro calcolati sopra perché la produzione supera i 100 pezzi prodotti, il costo di lavorazione passa quindi da 169 a 100 € per pezzo).

Poi siamo passati al calcolo del guadagno dell’investimento totale: 53 € * 400 pezzi = 21.200 €.

ROI: ritorno sull’investimento

Si presume che il costo dell’investimento sia di 13.499 €, che è il prezzo della stampante 3D nel nostro caso.

Poi, procediamo con i calcoli per conoscere il ROI:

ROI = 100% * (Guadagno dell’investimento – Costo dell’investimento) / Costo dell’investimento

Quindi:

ROI = 100% * (21.200 € – 13.499 €) / 13.499 €

Il che ci dà un ritorno totale dell’investimento: 7.701 € (21.200 – 13.499). Quindi:

ROI = 100%* 7. 7 01 € / 13 499 €

ROI = 100%* 0,5704

ROI = 57,04%.

Il risultato dimostra che la stampante 3D è stata rimborsata dopo aver prodotto 400 pezzi ed inoltre risulta redditizia (il ROI è positivo) restituendo il 57,04% del costo che l’azienda ha sostenuto per l’acquisto della stampante 3D.

Inoltre, non abbiamo tenuto conto dei tempi e dei costi di consegna nel calcolo del ROI, normalmente necessario nel caso della produzione tradizionale.

Infatti, l’internalizzazione del processo produttivo offerto dall’acquisizione di una stampante 3D permette di produrre tutto direttamente e quindi di eliminare questi costi aggiuntivi.

Perché investire nella stampa 3D?

Riduzione dei costi

Come per qualsiasi decisione di acquisto, la scelta di acquistare una stampante 3D è una questione di redditività.

Risparmio di tempo

La stampa 3D semplifica la prototipazione tradizionale e i flussi di lavoro, risparmiando tempo e superando la concorrenza. Con il conseguente risultato di avere i prodotti sul mercato più velocemente e di ridurre i tempi di consegna dei prodotti di qualche giorno o settimana.

Trasferimento

Oggi la stampa 3D permette di produrre volumi di diverse decine di migliaia di pezzi. E’ chiaramente un’opportunità per riportare in Europa progetti che un tempo andavano a laboratori di tutto il mondo, come Cina o India.

I migliori risultati

Le stampanti 3D consentono di creare più iterazioni e ottenere prodotti finiti migliori. Trovare e correggere rapidamente i difetti di progettazione, evita anche costose revisioni del progetto e modifiche degli utensili nella produzione.

 

Geometrie complesse e personalizzazione

Con la stampa 3D qualsiasi oggetto prende vita poiché la produzione additiva permette di produrre strato per strato, liberandosi al tempo stesso dai vincoli della produzione sottrattiva.

 

Disponibilità

Una stampante 3D in ufficio o in studio è sempre disponibile per la produzione on-demand, con ulteriori vantaggi per la vostra azienda. La creazione di modelli personalizzati, accessori o parti di ricambio può ridurre i costi degli ordini in un impianto di produzione, mentre la produzione interna consente un approccio “just-in-time” al vostro inventario, eliminando i costi di stoccaggio.

Comunicazione

La disponibilità di prototipi e componenti di alta qualità consente di comunicare meglio con clienti e fornitori. Evitare confusione ed errori costosi, riducendo il rischio di perdite o furti di proprietà intellettuale.

 

Efficienza ed efficacia

Il vantaggio principale per la maggior parte delle aziende che utilizzano la stampa 3D interna è la velocità e l’efficienza che porta al processo di progettazione. Invece di aspettare che le iterazioni di progettazione siano completate e consegnate, i progettisti possono vedere l’ultima versione del loro prodotto in poche ore. Questo consente di effettuare più iterazioni in un periodo di tempo più breve.

 

Protezione IP

La creazione interna di parti significa che non sarà necessario trasferire la proprietà intellettuale (PI) a terzi, riducendo così il rischio di perdite o furti di PI.

Il risultato?

Un vantaggio competitivo per la vostra azienda, grazie a uno sviluppo del prodotto meno costoso, un design più raffinato e tempi di commercializzazione più brevi.

This site is registered on wpml.org as a development site.